Patent Box

Il Patent box è un regime premiale di tassazione per i redditi derivanti dall'utilizzo di specifici beni immateriali (intangibles). L’agevolazione consiste nella detassazione di tali redditi, che non concorrono così alla formazione del reddito complessivo per il 50% del relativo ammontare.

Le opere d'ingegno che riducono il carico fiscale

Brevetti, disegni, modelli, know how: la proprietà di opere di ingegno o il possesso dei diritti di sfruttamento può consentire alle imprese di abbattere il carico fiscale per cinque anni.

È quanto previsto dal Patent box, un regime opzionale di tassazione esercitabile sui redditi derivanti dall’utilizzo di intangibles come software protetto da copyright, brevetti industriali, disegni e modelli.

Ma anche processi, formule e informazioni relative ad esperienze acquisite nel campo industriale, commerciale o scientifico che siano giuridicamente tutelabili.

Chi può richiederlo

Possono fruire del regime opzionale di tassazione Patent box i soggetti titolari di reddito di impresa (indipendentemente dalla natura giuridica, dalle dimensioni e dal settore produttivo), così come le società e gli enti non residenti in Italia, a condizione di essere residenti in Paesi con i quali lo scambio di informazioni sia effettivo e sia in vigore un accordo per evitare la doppia imposizione.

patent box

L'agevolazione

Il beneficio fiscale consiste nella detassazione dei redditi derivanti dall'utilizzo di alcuni beni immateriali, che non concorrono così alla formazione del reddito complessivo per il 50% del relativo ammontare. È prevista, inoltre, la detassazione delle plusvalenze derivanti dalla cessione dei beni immateriali a condizione che il 90% del corrispettivo sia reinvestito in altre attività di Ricerca e Sviluppo, entro due esercizi successivi a quello della cessione. Per accedere al Patent box occorre esercitare un’opzione, che deve essere comunicata all’Agenzia delle Entrate. L’opzione dura cinque periodi di imposta, è irrevocabile e rinnovabile per altri cinque anni.

Ruling e autoliquidazione

Esistono due percorsi distinti per richiedere il regime premiale di tassazione. Il primo è automatico e consiste nell’esercitare l’opzione in dichiarazione dei redditi. È l'impresa stessa a calcolare autonomamente l'ammontare della detassazione, assumendosi i rischi di errori e di eventuali controlli. Il secondo percorso, più lungo ma più sicuro, prevede una richiesta specifica all’Agenzia delle Entrate, che mediante una procedura denominata ruling convoca il contribuente per definire congiuntamente la metodologia da utilizzare nel calcolo dell’agevolazione, e di conseguenza l’ammontare della stessa.

I nostri consigli

Attento all'automaticità

Una delle caratteristiche dei crediti d'imposta è l'automaticità. Non abusarne.

I successivi controlli dell'Agenzia delle Entrate potrebbero riservarti brutte sorprese

Investi per crescere

Non ricorrere mai alle agevolazioni con il solo scopo di recuperare liquidità.

Investi solo quando è necessario per la crescita della tua azienda.

Affidati a professionisti

Non ti fidare di consigli troppo superficiali da parte di soggetti improvvisati.

I rischi sono altissimi. Segui sempre i consigli di chi conosce a fondo la materia.

Formula Ransomtax

Analisi gratuita

Analizziamo gratuitamente la tua documentazione contabile e fiscale al fine di verificare la presenza dei requisiti necessari per poter accedere alle agevolazioni. Non paghi nulla e scopri quanto puoi risparmiare.

Pagamento a risultato

Ci occupiamo noi di tutto l'aspetto burocatico e ti aggiorniamo in tempo reale sullo stato d’avanzamento della pratica. Ci riconoscerai una commissione solo quando avrai ottenuto il beneficio.

Assistenza tributaria

Ci impegniamo a garantire le nostre prestazioni con l’assistenza tributaria nel caso in cui, durante il previsto periodo di accertamento, dovessero insorgere contestazioni da parte degli Enti verificatori.

Vuoi saperne di più?

Fissa una call con i nostri esperti

Potrebbe Interessarti

L'Agenzia delle Entrate ha avviato i controlli sui crediti d'imposta ricerca e sviluppo utilizzati dall'imprese grazie al piano Industria 4.0
Con una discutibile ordinanza la Corte di Cassazione ha equiparato credito non spettante e credito inesistente sui termini per i controlli