Credito d'imposta beni strumentali

Per gli investimenti in beni strumentali alle imprese può essere riconosciuto un credito d'imposta che va dal 6% fino al 50% (nel caso di beni del pacchetto Industria 4.0). Il 2022, è l'ultimo anno disponibile per fruire dell'agevolazione al 40%.

Dall'iper ammortamento al credito d'imposta

L'agevolazione sostituisce le discipline di iperammortamento e superammortamento, ereditandone gli ambiti applicativi ma mutando natura da maggiorazione del costo di acquisizione a credito d'imposta.

Iper e super ammortamento rimangono ancora applicabili agli investimenti prenotati al 31 dicembre 2019, con versamento di un acconto pari ad almeno il 20%.

Il credito d'imposta è invece riconosciuto alle aziende per gli investimenti in beni strumentali effettuati tra il 1° gennaio 2020 e il 31 dicembre 2022, ovvero entro il 30 giugno 2023 a condizione che entra la data del 31 dicembre 2022 il relativo ordine risulti accettato dal venditore e sia avvenuto il pagamento di acconti pari al 20% del costo di acquisizione. La L.234 ha ulteriormente prorogato il credito al 31 dicembre 2025.

credito di imposta beni strumentali

Chi può richiederlo

Il credito d'imposta per investimenti in beni strumentali è accessibile da tutte le imprese con sede in Italia, incluse le stabili organizzazioni di soggetti non residenti, indipendentemente dalla forma giuridica, dal settore economico di appartenenza, dalla dimensione e dal regime fiscale di determinazione del reddito.

Quanto si può recuperare

Le aliquote del credito d'imposta per gli investimenti in beni strumentali variano in relazione all'importo dell'investimento e alla tipologia del bene acquistato.

Per il 2021:

  • Beni materiali Industria 4.0: 40% (per investimenti fino a 2,5 mln), 20% (per investimenti tra i 2,5 e i 10 mln. 10% (per investimenti tra i 10 e i 20 mln)
  • Beni immateriali Industria 4.0 (software e servizi digitali): 20% (investimenti fino a 1 mln)
  • Beni strumentali materiali: 6% (fino a 2 mln)
  • Beni strumentali immateriali: 6% (fino a 1 mln).

I nostri consigli

Attento all'automaticità

Una delle caratteristiche dei crediti d'imposta è l'automaticità. Non abusarne.

I successivi controlli dell'Agenzia delle Entrate potrebbero riservarti brutte sorprese

Investi
per crescere

Non ricorrere mai alle agevolazioni con il solo scopo di recuperare liquidità.

Investi solo quando è necessario per la crescita della tua azienda.

Affidati a professionisti

Non ti fidare di consigli troppo superficiali da parte di soggetti improvvisati.

I rischi sono altissimi. Segui sempre i consigli di chi conosce a fondo la materia.

Analisi gratuita

Analizziamo gratuitamente la tua documentazione contabile e fiscale al fine di verificare la presenza dei requisiti necessari per poter accedere alle agevolazioni. Non paghi nulla e scopri quanto puoi risparmiare.

Pagamento a risultato

Ci occupiamo noi di tutto l'aspetto burocatico e ti aggiorniamo in tempo reale sullo stato d’avanzamento della pratica. Ci riconoscerai una commissione solo quando avrai ottenuto il beneficio.

Assistenza tributaria

Ci impegniamo a garantire le nostre prestazioni con l’assistenza tributaria nel caso in cui, durante il previsto periodo di accertamento, dovessero insorgere contestazioni da parte degli Enti verificatori.

Vuoi utilizzare il credito d'imposta?
Fissa un appuntamento con i nostri esperti.

Potrebbe Interessarti

Il Decreto Semplificazioni ha introdotto una certificazione sulle attività ammissibili al credito d'imposta R&S
Il provvedimento dell'Age del 15 febbraio 2022 sul nuovo Patent box non ha sciolto tutti i dubbi interpretativi